Guida alle città e agli agriturismi

Padova: Carnevale del Veneto (Casale di Scodosia)

In questo paesino veneto, già agli inizi del Novecento esistono compagnie che costruiscono carri allegorici nei cortili delle loro case; sono gruppi di famiglie che si riuniscono con l'intento di fare il carro più bello del paese. Si tratta di carri semplici, costruiti in legno, e paglia, muschio e piante sempreverdi. Alla sfilata del giorno di festa i carri sono trainati da buoi o asini. Punto centrale della festa, oltre alla sfilata, è il processo al Carnevale, inscenato da un gruppo di attori del luogo.

Dopo la forzata interruzione della Seconda guerra mondiale, la tradizione riprende nel 1949 con qualche significativo cambiamento: per costruire i carri si comincia a utilizzare la cartapesta, si festeggia nelle tre domeniche precedenti la Quaresima e si organizzano manifestazioni collaterali.

La festa oggi

Periodo: domeniche precedenti la Quaresima
Per informazioni: Associazione Carnevale del Veneto, 35040 Casale di Scodosia (PD)

Gli attuali carri allegorici sono basati su un'affinata tecnica di movimento e sull'uso della lavorazione della cartapesta. Oggi sono almeno dieci le compagnie di giovani e meno giovani che dedicano molto del loro tempo libero, durante l'anno, alla costruzione di carri sempre più imponenti. I carri rappresentano ironicamente aspetti e personaggi della vita locale e nazionale, prendendo non di rado di mira personaggi della politica e dello spettacolo. Il carnevale comprende anche altri momenti come un festival di artisti di strada, sfilate di gruppi mascherati, animazione, una rassegna del teatro brillante in dialetto veneto.